La UILTuCS Emilia-Romagna si prefigge di rappresentare le lavoratrici e i lavoratori del terziario. Dare forza al lavoro.

Indirizzo
Via delle Lame, 98 – 40121 – BOLOGNA (BO)

Informazioni per i contatti
Email: [email protected]
PEC: [email protected]
Telefono: 051/550502
Fax: 051/550918

Altre informazioni
E’ aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 (festivi esclusi)

Telefono 051/550502 – Fax 051/550918

Image Alt

UILTuCS ER

  /  Notizie   /  Il NUOVO CCNL PUBBLICI ESERCIZI, RISTORAZIONE E TURISMO

Il NUOVO CCNL PUBBLICI ESERCIZI, RISTORAZIONE E TURISMO

È stato approvato in data 8 febbraio 2018 il nuovo Contratto Collettivo Nazionale per i dipendenti dei settori Pubblici Esercizi, Ristorazione Collettiva, Commerciale e Turismo.

Il nuovo Contratto Collettivo Nazionale sostituisce il precedente CCNL TURISMO del 20 febbraio 2010, (rinnovato il 18 gennaio 2014 solo per i settori Alberghi e campeggi), il quale ha terminato la propria validità di applicazione in data 31/12/2017.

Si tratta perciò di un Contratto Collettivo Nazionale nuovo, totalmente indipendente e svincolato rispetto i CCNL precedenti.

Le parti stipulanti il CCNL per i dipendenti da aziende dei settori pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale e turismo convengono che per i soci e lavoratori dipendenti delle aziende cooperative aderenti a Legacoop, Confcooperative e AGCI, cui si applica il presente CCNL, rimarranno inalterate le attuali adesioni ai fondi di previdenza complementare in essere e che per i soci e lavoratori dipendenti delle stesse che ancora non hanno formalizzato una scelta, si terrà conto anche dei fondi di previdenza costituiti dalle associazioni di rappresentanza del mondo cooperativo e le OO.SS.

Le parti firmatarie, FIPE, ANGEM, LEGACOOP PRODUZIONE E SERVIZI, FEDERLAVORO E SERVIZI, CONFCOOPERATIVE, AGCI Servizi, FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL, UILTUCS-UIL, hanno stabilito una validità quadriennale al nuovo accordo, con inizio dal 1° gennaio 2018 e scadenza al 31 dicembre 2021, aumento in busta paga di €100 a regime, rafforzamento dell’assistenza sanitaria integrativa e importanti innovazioni mirate al recupero della produttività.

In allegato il testo dell’accordo firmato dalle parti stipulanti.